Gli inizi e il Boca Juniors

I PRIMI CALCI

Nel mio piccolo paese, circondato dalla campagna, c’erano tantissimi campi dove giocare a pallone. È lì che ho iniziato, già da piccolo, a tirare i primi calci, vista anche la passione di mio padre. Ho un ricordo bellissimo di quegli anni spensierati, caratterizzati dalla libertà e dalla passione per il calcio: passavo ore ed ore a giocare… A 14 anni mi ha portato a fare un provino al Newell’s Old Boys di Rosario, la migliore squadra argentina per quanto riguarda le giovanili. Mi hanno preso ed è stata per me una grande soddisfazione. Ma dopo soli 2 anni mi hanno scartato, non mi volevano più. Quella che sembrava una disfatta si è però rivelata una fortuna: rimasto senza squadra, ho fatto un provino al Boca Juniors, la mia squadra del cuore! Mi hanno scelto, e da li è iniziata la mia avventura, che copme quella di tutti i calciatori è piena di sacrifici, fatica, impegno, sudore, forza di volontà, dedizione.

Boca JuniorsCON LA MAGLIA DEL BOCA

Il giorno più bello della mia carriera resta il 10 ottobre del 1999, il giorno dell’esordio nel Boca Juniors dei “grandi”. Avevo solo 18 anni, ma nel minuto di silenzio che precedette la partita mi son passati davanti tutti i momenti della mia carriera. Ero molto emozionato, ma ho disputato ugualmente una buona partita. E poi abbiamo vinto per due a zero!

Con il Boca ho conquistato due campionati (2000 e 2003), tre Copa Libertadores de Amèrica (2000, 2001, 2003) e due Intercontinentali (2000 e 2003). Giocare nella squadra più forte, titolata e amata dell’Argentina è stato davvero bello ed emozionante, anche perché è la squadra per cui tifo. E poi sono capitato in uno dei momenti più prolifici della squadra, eravamo una squadra che ha fatto la storia!